lunedì 29 marzo 2010

La mia bestia nera...


..anzi viola, mi riferisco alla 
melanzana. 
Uso la stessa procedura di semina del pomodoro e,
allo stesso modo, la proteggo dal freddo con il tunnel
ma, in questi ultimi anni,da una bustina di seme riesco
ad ottenere solo poche piantine che non meritano 
nemmeno di essere trapiantate. Oggi ho provato con 
mezza bustina, l'altra metà voglio tenermela per quando
il tempo sarà più stabile (??). Sotto il tunnel ho seminato
anche il sedano, mentre prezzemolo e rapanelli li ho
coperti con TNT.

---------------------------------------------------------------

Anemone vemorosa
( fam. ranunculaceae )






domenica 28 marzo 2010

Domenica di sole


Fra i rami del Pino mugo un giovane ramarro si gode 
il caldo sole pomeridiano. Spero di poterlo fotografare
quando il verde che si nota sotto la testa si sarà esteso
al resto del corpo.


-------------------------------------------------------------------

Stellaria media - Peverina comune
( fam Caryophyllaceae )






sabato 27 marzo 2010

Primo raccolto.


In poco più di un mese, l'avevo seminata il 21 febbraio,
ha raggiunto le dimensioni per poter essere "trapiantata"
nell'insalatiera...la rucola non è il mio ortaggio preferito
ma in cucina ho chi sa valorizzarla.


In mattinata ho seminato le zucchine, 10 buchette,
3 semi ogni buchetta distanziate 80 cm. il tutto
protetto dal tunnel.

-----------------------------------------------------------------------------

Ieri mi era venuta l'ispirazione di dedicare dei post alle
erbe spontanee che crescono sui miei terreni ma non 
sapevo da che parte incominciare. I miei indugi si sono 
protratti fino a sera quando, leggendo il post di Davide
  nel suo blog http://hortus.wordpress.com/ , ho deciso chi
 sarebbe stata la prima. Il mio intento è quello di facilitarne
 il riconoscimento, per gli approfondimenti in rete si possono
 trovare fonti più autorevoli a cui rimando gli interessati.

-----------------------------------------------------------------------------


Veronica persica
( fam. Scrophulariacee )



 



mercoledì 24 marzo 2010

Le fatiche dell'ortolano.


L'inverno appena finito ha lasciato il segno: appena esce 
un raggio di sole bisogna approfittarne.


Per incominciare ho costruito questa mini serra per mettere
 a dimora i primi 4 semi di zucca, per la struttura architettonica
mi sono ispirato ad halloween.

 

Poi è arrivato il turno delle patate: 9 file da 14 metri,
 considerando che avevo circa 480 patate ne risulta una 
distanza media sulla fila di 26 cm, mentre tra le file la 
distanza è di circa 80/90 cm. Purtroppo ho utilizzato anche
 il terreno destinato alle arachidi. Per completare l'opera
ho seminato anche pomodori San Marzano e pomodorini 
a grappolo, bietole da taglio e carote.
Stanco ma soddisfatto.


lunedì 22 marzo 2010

Rapanelli & rape

La pioggia si è fatta più insistente, i lavori nell'orto sono fermi.


Ne approfitto per dedicare un post ai rapanelli seminati
il 2 marzo e protetti con TNT, la germinazione non è stata 
delle migliori in quanto molti semi sono rimasti in superficie,
li avevo consigliati di ricoprirsi con un po' di terra ma non
 mi hanno ascoltato, ho provveduto ieri a ricoprirli uno ad
 uno nella speranza di recuperare qualche piantina in più.


In un angolo dell'orto ci sono le 4 rape destinate alla produzione
dei semi, come si vede nella foto sopra si sta già formando
l'infiorescenza, da questa avranno origine i semi che matureranno
ad inizio giugno e verranno riseminati nella seconda metà di agosto.


domenica 21 marzo 2010

Pioggerellina


Dopo alcuni giorni di assenza dovuti ai lavori
di aratura oggi sono ritornato nell'orto per 
togliere il telo dai tunnel e far godere al lattughino
& co. la fine pioggerellina che stava cadendo.


L'aiuola è ormai completamente ricoperta e, in alcuni punti,
le piantine sono perfino troppo fitte. Nel pomeriggio, dopo aver 
strappato qualche filo d'erba infestante, ho rimboccato le coperte..
..hemm..il telo e ...buona notte.



In settimana spero di poter effettuare altre semine..
..to be continued.

sabato 20 marzo 2010

La fine del lombrico


Sfruttando l'intera settimana di bel tempo ho terminato
l'aratura dei terreni destinati alla coltivazione del mais.


L'operazione era attesa anche da una moltitudine di gabbiani
che hanno approfittato del mio lavoro per riempirsi il gozzo di
lombrichi, la cosa mi da un po' fastidio ma so che in cambio
mi aiuteranno a sbarazzarmi di un altrettanto considerevole 
quantità di insetti al momento dello sfalcio del fieno.



Approfittando del fatto che nei venerdì di Quaresima rispetto
il precetto del " magro e digiuno" il fagiano della foto ieri ha 
banchettato insieme ai gabbiani, mentre giovedì 18 ho
 avvistato la prima rondine.



mercoledì 17 marzo 2010

Tutti lo vogliono

Ma cosa avrà il fieno di Emilio per attirare così tanti acquirenti?...


...vi svelo il segreto: ho nascosto in alcuni balloni una banconota
da 500 euro....si è sparsa la voce e anche l'amico Francesco
ha deciso di tentare la fortuna.

martedì 16 marzo 2010

Aratura


Il terreno ha raggiunto le condizioni ottimali  per
l'aratura quindi non perdiamo tempo, si  parte.


Dopo aver effettuato le necessarie regolazioni dell'aratro, 
fatto il pieno di gasolio e indossato gli indumenti necessari 
a contrastare il freddo pungente ecco i primi solchi...


....nel pomeriggio la temperatura si fa un po più gradevole
e il trattorino scatenato si mette in posa 
orgoglioso del suo lavoro.



mercoledì 10 marzo 2010

Igloo

Oggi l'orto sembra un villaggio eschimese, ho dato
una sbirciatina all'interno dell'igloo, gli abitanti 
sembrano in buona salute ma è meglio richiudere
velocemente.


La settimana scorsa, come ogni anno, avevo posizionato
 il pluviometro allo scopo di misurare e registrare  le
 precipitazioni, questa volta qualcosa non ha funzionato
e mi risulta difficile catalogare l' evento.

 

Nota positiva: ieri ho fatto in tempo a finire la distribuzione
del liquame nei prati. Prossimo lavoro: aratura per la 
semina del mais, ma, per il momento, continua a nevicare.


sabato 6 marzo 2010

Tempo da lupi

Dopo l'ora di follia atmosferica di ieri 
pomeriggio con tuoni, vento e neve,questa 
mattina, per non farci mancare nulla, ci siamo
ritrovati una pesante brinata e, stando alle
previsioni, non è ancora finita.


Tuttavia la protezione del tunnel sembra essere 
stata sufficiente a riparare il lattughino e...

 

...le bietole da taglio che a 12 giorni dalla semina si sono
unite alla rucola che procede nella sua crescita.

 

In mattinata ho comprato 10 kg di patate gialle (122 
patate) e 5 kg di patate bianche (220 patate) per una 
spesa di 30 euro che è quasi il doppio della cifra riportata
su altri blog. Per la semina attendo tempi migliori.
Nel frattempo ho seminato 9 vasetti di cavolo cappuccio
e 9 vasetti di pomodorino a grappolo che sono andati a 
godersi le temperature primaverili del locale caldaia....lo so,
per questi ultimi è un azzardo, dovrò proteggerli anche dopo 
il trapianto: confido nella loro riconoscenza.

venerdì 5 marzo 2010

Aspettando San Giorgio

Fino ai primi anni '80 le acque di questo canale detto 
Roggia Dovarola (in quanto attraversa il comune di Dovera) 
erano utilizzate anche nel periodo invernale per l'irrigazione 
delle marcite, terreni con una sistemazione tale da permettere
 il lento scorrimento dell'acqua sul prato, in modo da evitare
la formazione di ghiaccio e, di conseguenza, la produzione 
anticipata di foraggio. Gli elevati costi di manutenzione 
di tale sistemazione e il passaggio ad un'alimentazione senza
 l'uso di foraggi freschi ne ha determinato la scomparsa.


Questa mattina abbiamo portato a termine i lavori di 
pulizia del tratto di nostra competenza, circa 1 km, con
l'escavatore del contoterzista, posizionato sull'argine
nei punti in cui la vegetazione ne ostacolava i movimenti o
direttamente all'interno quando le condizioni lo consentivano.


A questo punto tutto è pronto per San Giorgio,
23 aprile, giorno in cui hanno inizio i turni estivi
di irrigazione....prima o poi smetterà di piovere!?!


mercoledì 3 marzo 2010

Esperimento


Anche se il temi ricorrenti in questo inverno sono 
pioggia  e neve, è buona norma pulire canali  e fossi 
in previsione dell'irrigazione che non mancherà di
allietare le mie  notti estive.


Il fango estratto mi fa pensare alle esondazioni del
Nilo, cosi preziose per la fertilizzazione del terreno.
L'esperimento consiste nel mescolare questo fango 
limoso con il terreno sciolto dell' orto e vedere come 
si comportano le zucche su questo letto di semina che,
 in teoria, dovrebbe trattenere maggiormente l'umidità.

martedì 2 marzo 2010

Nuove semine

Anche oggi un tris: cicoria zuccherina di Trieste e
lattuga regina dei ghiacci sotto tunnel, rapanello rosso 
tondo punta bianca protetto da TNT.


Ieri intanto è spuntato anche il lattughino...


....e la rucola cresce a vista d'occhio...


....prosegue anche la vendita del fieno.