domenica 31 ottobre 2010

Kaki


Ancora una volta l'arrivo della perturbazione
ha fatto scattare l'istinto del contadino a
" mettere il fieno in cascina".



A questo livello di maturazione non sono ancora pronti
a deliziare il mio palato, ma lo diventeranno una volta
messi in compagnia di una mela chiusi in una pentola.
Il responsabile di questa "magia" è l'etilene: un ormone 
vegetale presente nei frutti in forma gassosa.
Sfruttando il maggior quantitativo di etilene prodotto
dalla mela durante la sua normale maturazione
acceleriamo quella dei kaki che altrimenti
maturerebbero più lentamente.


Dei 460  kaki raccolti, uno ha deciso di mettersi in
 mostra e, come avviene nel mondo dello spettacolo,
si è guadagnato una foto in prima pagina.


venerdì 29 ottobre 2010

Bulbilli


Cercando nei forum e blog orticoli si possono trovare
due differenti epoche di semina per i bulbilli di aglio e
cipolla, ottobre/novembre o febbraio/marzo.


Io ho sempre adottato la soluzione autunnale, tranne un 
paio di volte quando ho sperimentato la semina primaverile
per verificare se le cipolle rosse andavano o meno a seme.
Statisticamente due tentativi sono un po' pochi ma quest'anno,
per tagliare la testa al toro (è solo un modo di dire), ho
preferito evitare le rosse e raddoppiare le bianche, quindi
1 kg di cipolle bianche, 0.5 kg di cipolle gialle 
e 100 bulbilli di aglio auto-prodotto.


Su una cosa sono tutti d'accordo: i bulbilli vanno piantati 
con l'apice rivolto verso l'alto.



mercoledì 27 ottobre 2010

Cappuccio

Con i suoi 2480 grammi il cavolo cappuccio
raccolto oggi  si guadagna un posto nel libro
dei guinness del mio orto....


...senza salire sulla bilancia, le tre fragole reclamano
il loro primato, ma la stagione non è ancora finita!
......................
.....quando si mangiano le castagne????


sabato 16 ottobre 2010

Arachidi


L'annuncio dell'arrivo di una perturbazione fredda
e soprattutto umida ha dato il via alla raccolta delle 
 arachidi in modo da sfruttare le condizioni di terreno
asciutto, ideale per dissotterrare i baccelli di questa 
leguminosa.


Le fasi della coltivazione erano state descritte brevemente
in altri post: iniziando dalla semina per passare alla
rincalzatura , ho mostrato la bellezza e delicatezza dei fiori 
e, senza dimenticare eventuali irrigazioni, siamo arrivati
all'evento clou, l'evento che ci fa capire se siamo stati
bravi e fortunati  o se ci dobbiamo accontentare....


Prendendo come punto di riferimento il raccolto degli anni 
precedenti siamo intorno al 50 % in meno. Una volta 
selezionati i baccelli migliori da seminare l'anno prossimo
mi rimane poco da tostare. 

Tenendo conto che le piante si presentavano senza segni evidenti di 
attacchi parassitari ma di sviluppo più contenuto sia nell'apparato
 aereo che in quello radicale gli inquirenti , pur non trascurando
 nessuna pista,stanno indagando sulle capacità dell'ortolano che,
 per il momento, si dichiara innocente.



venerdì 15 ottobre 2010

Verdura di stagione


Le zucchine non si sono ancora arrese ma, ovviamente,
non posso fare affidamento sulla loro produzione, destinata ad 
esaurirsi con l'arrivo del freddo annunciato per il fine settimana.


Poco distanti ci sono dei validi sostituti più consoni 
alle condizioni climatiche del periodo.


Li ho seminati all'inizio di luglio direttamente a dimora
in due file distanti 50 cm e successivamente diradati 
in modo da lasciare  circa 30 cm tra uno e l'altro.


Su  un terreno che non teme ristagni, come quello del mio
orto, sono necessarie frequenti irrigazioni e, per avere
 finocchi bianchi e croccanti, è bene completare l'opera 
ricoprendo il grumolo con un'abbondante rincalzatura.

domenica 10 ottobre 2010

Passa Crassana...

...o Passacrassana, senza nulla togliere alle altre, 
è la mia varietà di pere preferita. La maturazione
è tardiva e i grossi frutti con polpa granulosa
si conservano facilmente.


Come si vede dalla foto non sono l'unico ad
apprezzare le qualità di questo frutto....
..inutile dire che il responsabile è stato severamente punito.


Per evitare ulteriori danni ho raccolto le mie delizie.
Dopo un 2009 eccezionale con 50 kg da un'unica
pianta, quest'anno mi sono dovuto accontentare di
18 kg. I frutticoltori la chiamano alternanza e riescono
ad attenuarla con la potatura, i dilettanti come me
si adeguano ai risultati ottenuti....e si documentano
per poterli migliorare.

venerdì 8 ottobre 2010

Rape

Partendo dai semi di 4 rape del 2009 il 12 agosto
ho effettuato la semina per la produzione 2010 su
metà del terreno utilizzato in precedenza per le patate,
l'altra metà è occupata dalle verze & c.


Pur avendo utilizzato la metà dei semi a disposizione
ed avendo sfoltito in modo massiccio le piantine appena
nate, mi sono ritrovato con un "prato" di rape ancora
troppo fitto ma che ho lasciato crescere senza
ulteriori interventi di diradamento.....


...fino a questa mattina, quando l'operazione mi ha
fruttato una bella cassetta di rape da gustare ed
esibire sul blog.

mercoledì 6 ottobre 2010

Energia pulita.


A due mesi dall'entrata in produzione dei pannelli solari
posti sul tetto della casa  è arrivato il momento di esprimere
la mia soddisfazione per i risultati ottenuti.
Per i mesi di agosto e settembre si prevedeva una 
produzione di  600 + 450 = 1050 kwh mentre sono riuscito
a produrre 620 + 560 =1180 kwh pur avendo attivato
l'impianto il 5 agosto.


Il conforto di questi dati mi fa ben sperare anche, e
 soprattutto, per l'impianto che è giunto a conclusione in
questi giorni ed costituito da due unità: la prima, sul tetto 
della stalla, con potenza di 75 kwp,


la seconda sul tetto del fienile per altri 10 kwp.
Purtroppo il rifacimento della linea elettrica 
dalla cabina Enel alla cascina ritarderà l'entrata
in attività alla prossima primavera. I mesi persi
saranno comunque quelli a bassa produzione,
l'importante è aver concluso i lavori in tempo per
poter usufruire degli incentivi del 2010.

martedì 5 ottobre 2010

Pomodori verdi fritti


Prima di finire sul cumulo le piante di pomodoro
sono state spogliate dei loro ultimi frutti, compresi
quelli ancora verdi che, si spera, arrossiranno
stando in cantina. Non saranno il massimo della 
bontà ma al supermercato vendono di peggio.


Un altro piccolo passo verso l'autunno.

lunedì 4 ottobre 2010

Uva


Non ho intitolato il post "vendemmia"
in quanto coltivo solo uva da tavola, o meglio,
uva che utilizzo come uva da tavola, infatti non so 
di che vitigno si tratti.


Oltre all'uva fragola e a questa della foto ho alcune viti
di uva bianca con acino piccolo e altre con acino più
grosso di varietà a me sconosciute, ma con il merito di 
arricchire la tavola per tutto il periodo autunnale.


venerdì 1 ottobre 2010

La fortuna del broccolo


Se il broccolo, protagonista del post di ieri, non è
ancora finito in pentola, è senz'altro merito degli
altri ortaggi che mi offrono una valida alternativa.


Uno di questi è l'indivia riccia, altra new entry nel
mio orto. Le pratiche di coltivazione consigliavano
la legatura per favorire l'imbianchimento, io 
questo non l'ho fatto ma le foglie che compongono
il cespo sono comunque molto tenere.


I fagiolini sono al canto del cigno, un ultimo assaggio 
di "cornette" fresche per poi passare a quelle conservate
 nel congelatore. Le due varietà, viola e gialle, che ho 
provato pur non essendo andate malissimo non sono
riuscite a competere con la varietà "bobis" a cui
spetta di diritto un posto nell'orto 2011.


Il broccolo deve ringraziare anche LORO se non sono 
ancora entrato nell'ottica che da oggi siamo in ottobre
e sarebbe ora di passare a frutti tipicamente autunnali.