lunedì 19 gennaio 2015

Il tempo si è fermato


Non posso riprendere a parlare
della cascina Scovazza senza ricordare
chi ne è stato l'anima.


Ciao papà.

10 commenti:

  1. Condoglianze, purtroppo e una ruota che gira.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, purtroppo è così, mi consola la certezza che un giorno ci ritroveremo.

      Elimina
  2. Mi dispiace moltissimo,so cosa si prova,io ci litigavo tre volte al giorno con il mio papà ma alla fine facevamo sempre pace,a distanza di nove anni mi manca sempre moltissimo,coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo la morte di mio fratello pensavo di essere "vaccinato" a certi dispiaceri ma mi sto accorgendo che non è così facile. Di litigate ne abbiamo fatte una cifra, adesso devo trasformare anche quelle in un bel ricordo.

      Elimina
  3. Le persone care sono sempre con noi, anche a me papà manca tanto! Spesso lo sogno..........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita di frequente anche a me di sognare i miei cari ed è come se non se ne fossero mai andati

      Elimina
  4. Per quanto mi piaccia parlare nel Blog, certe cose ho difficoltà a dirle senza avere di fronte la persona con cui sto parlando...
    Io Emilio ti conosco solo attraverso i tuoi scritti e le tue foto, ma sei un !Amicizia di questo Virtuale", e leggere questo tuo post mi ha rattristato molto.
    Leggo che comunque trovi consolazione verso quell'incontro che avverrà di nuovo, ed in questo credo tu possa trovare pace.
    La forza per andare avanti invece la devi trovare in tutto quello che il tuo babbo ti ha lasciato, e non parlo delle cose materiali.
    Vai allo specchio, e guardati: guarda quanto di lui c'è nella tua faccia, nelle tue movenze, nelle tue parole....trovalo nei tuoi ragionamenti, e lo renderai immortale, credimi.
    Ti scrivo con affetto, e ti auguro di sognarlo ogni volta che lo desidererai.
    A.A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le belle parole A.A. non so quanto di lui ci sia in me, ma su molte cose vorrei assomigliargli almeno un po'.

      Elimina
  5. ciao emilio, guarda al futuro, e alla tua bella figliola, forse è lei che assomiglia al nonno?
    un abbraccio, ciao
    patrizia

    RispondiElimina
  6. La vita è fatta anche di brutti momenti che bisogna superare, ho la fortuna di avere una famiglia che mi aiuta a farlo e una figlia che ce la mette tutta per onorare la memoria del nonno. Ciao.

    RispondiElimina