venerdì 4 febbraio 2011

Boccioli di Tarassaco


Ieri, alla ricerca di nuovi sapori, mi sono ricordato
di questo vasetto che, da quasi un anno, era 
parcheggiato sugli scaffali in cantina in attesa
di svelare il risultato di una prova un po' insolita.


Il contenuto è facilmente reperibile, si tratta di piccoli 
boccioli di tarassaco, comunemente conosciuto con il nome
 di soffione o cicoria selvatica.
La preparazione è semplicissima: 
i boccioli appena raccolti vanno lavati e lasciati
ad asciugare su un panno, quindi si mettono nei vasetti 
alternandoli a strati con abbondante sale grosso.
Il risultato è qualcosa che assomiglia ai capperi.
 Non aspettatevi miracoli, comunque li ho usati per 
insaporire la pan di zucchero e il risultato è accettabile.
Se quest'anno i prati della cascina scovazza saranno
meno colorati di giallo.....


4 commenti:

  1. Questa è da provare .... le scovaZZI proprio tutte! Ma quanto li lasci sotto sale?

    RispondiElimina
  2. questa poi...ma che particolarità!

    RispondiElimina
  3. Lasciane un po' per le api. Il tarassaco e` fondamentale per la ripresa primaverile. :-)

    RispondiElimina
  4. @ semola - è la prima volta che provo, sono sotto sale da quasi un anno...
    @ luby - non è una mia invenzione, ho visto su altri siti che si possono conservare anche sott'aceto.
    @ TroppoBarba - giusto! invito tutti a tenerne conto.

    RispondiElimina