Pagine

martedì 17 aprile 2012

A volte ritornano


 Sono passati quasi quarant'anni
da quando un forte temporale ha 
divelto l'unica pianta di
melo cotogno
che abbia messo le sue radici alla
Scovazza, lasciando uno spazio vuoto
sull'argine del fosso dietro alla cascina,
ma non nella mia memoria.


Il vuoto è stato finalmente colmato.


Ora  non posso far altro che 
aspettare che questi fiori stupendi si 
trasformino in deliziosi vasetti di marmellata.

Forse ho saltato qualche passaggio.

7 commenti:

  1. Già,mi sa che dovrai aspettare un paio di anni almeno.Ciao.

    RispondiElimina
  2. sono comunque i passaggi più piacevoli. e non devi aspettare altri 40 anni fra l'uno e l'altro!

    RispondiElimina
  3. Bellissimi i meli in fiore!!!

    E bellissimo l'aver colmato il buco di un ricordo... con qualcosa di reale! :)

    Lo scorso anno mi hanno regalto qualche chilo di mele cotogne e ne ho fatto una marmellata con la quale mi sono "sfamata" le colazioni di quest'inverno... e ancora campo di rendita!

    Mi sono rimasti gli ultimi 3 vasetti da 250 g e li centellino sperando in un nuovo dono... ^____^

    Un bacione (posso mandarti un bacione, vero?) ^^

    RispondiElimina
  4. @ Gata da Plar - Mony - Visto il tuo blog sono sicuro che le marmellate saranno buonissime!
    Il bacione lo accetto volentieri - requisito minimo: che tu sia donna -

    RispondiElimina
  5. Grazie tantissime per esserti fatto un giretto nel mio blog e sisi, donna sono! :DDDD

    RispondiElimina