domenica 6 maggio 2012

Quando il gioco si fa duro...


"Ecco le patate con le quali partecipo alla ormai
 famigerata gara annuale". 

La prima foto ha lo scopo di intimorire
gli avversari più agguerriti.....
(vedi sopra)


....ma il regolamento parla di patate seminate 
e queste sono nate spontaneamente da piccoli
tuberi rimasti nel terreno dalla coltivazione
dell' anno scorso, quindi fuori concorso.


Sempre secondo regolamento, vince la sfida 
chi ottiene la maggiore produzione per pianta.
Senza voler cambiare il regolamento a gara
ormai iniziata, vorrei fare una considerazione:
é più "bravo" chi riesce ad ottenere  il maggior
peso per pianta o per unità di superficie?


Ad esempio : con un sesto d'impianto di 90 x 30,
le mie 260 piante occupano una superficie di 70.2 mq,
passando ad un sesto d'impianto di 80 x 50 avrei
dovuto utilizzare 104 mq.
Le probabilità di vincere la sfida sarebbero senz'altro
 aumentate, ma mi sarei giocato la possibilità di avere
qualche chilo di arachidi dai 34 mq risparmiati.

A fine stagione, con il responso della
bilancia, trarremo le conclusioni.

7 commenti:

  1. Mi gira le testa con i tuoi calcoli,non cominciamo a barare,si era detto''Peso totale raccolto / Numero di piante = Peso raccolto per pianta,la gara per quest'anno è questa.
    Il prossimo anno magari butto giù tutte le vigne e semino patate e vi faccio vedere io...Ciao.

    RispondiElimina
  2. @ blogredire - Ho scritto anch'io che il regolamento è questo!..... e per l'anno prossimo partecipo con una sola pianta seminata in un cassone da 1 mq. ;-)

    RispondiElimina
  3. Troppe chiacchere, fatemi vedere le patate. La distanza conta ma non e` cosi` determinante. Se metti una patata nel cassone da 1 mq puo` anche darsi che non cresce niente. Credo che ci siano piu` possibilita` piantando un numero elevato di piante.

    RispondiElimina
  4. @ TroppoBarba - se lo spazio non è determinante perchè le hai seminate a 50 cm sulla fila? Seminandole a 25 avresti utilizzati metà spazio....comunque sono disposto a concederti questo vantaggio.
    "nulla resiste al bersagliere" ;-)

    RispondiElimina
  5. Le ho seminate a 50 perche` a me piace stare largo e di spazio ne ho. Ma ti posso assicurare che quando le tiro su non trovo 50 cm di patate. C'e` sempre un grosso spazio vuota fra una patata e l'altra. Provare per credere.

    RispondiElimina
  6. @ TroppoBarba - Se mi dici che arrivati ad un certo punto aumentare la distanza non porta ad un aumento di produzione, sono d'accordo. Come dici tu a 50 cm non è più un fattore limitante, ma a 30 cm potrebbe esserlo e a 15 cm lo è senz'altro; quindi , secondo la mia tesi, a parità delle altre condizioni, la distanza gioca un ruolo fondamentale. L'anno prossimo potremmo provare a seminare ogni fila ad una distanza diversa per vedere i risultati.

    RispondiElimina
  7. E` bello parlare di orto con gente come te. Mi sembra di stare seduto sulla panca nel campo dopo una giornata di lavoro. Magari con una bella bottiglia di rosso. E via che si comincia l'infinita discussione dei se e dei ma.

    Io dico che fra 30 e 50 non cambia nulla. Certo a 15 allora la storia cambia. Poi la parita` di condizioni non l'abbiamo di sicuro. Cambia il terreno, cambia il clima, cambia l'ortolano... ;^)

    RispondiElimina