mercoledì 22 giugno 2011

200



200°  post

La maggior parte dei quali scritti
con l'unico scopo di tenere traccia dei miei 
lavori nell'orto.

Oggi vorrei raccontare quanto mi è accaduto giovedì
 scorso nella speranza di rendermi utile a quanti
potrebbero trovarsi nella stessa situazione.

Come anteprima vi posso dire che al 3° posto
nella classifica dei post più letti del blog troviamo,
ironia della sorte, la descrizione della mia battaglia
contro i  calabroni  ...

...ma veniamo ai fatti,

mentre con il decespugliatore tagliavo l'erba sulla riva di un
 fosso un calabrone mi ha punto sul braccio, la cosa non mi ha 
preoccupato più di tanto quindi sono andato avanti nel mio lavoro.
Trascorsi un paio di minuti ho sentito una vampata di calore e
mi si è annebbiata la vista, validi motivi per non rimanere solo
in mezzo ai campi, quindi sono salito sulla bici e mi sono diretto
verso casa , senza però riuscire ad arrivarci. Ad un centinaio di metri 
dal traguardo, senza sapere come, sono caduto e, per fortuna,
da qui sono riuscito a telefonare.....in 8 minuti è arrivata
l'ambulanza e con difficoltà respiratorie, la pressione 60/30 e
fibrillazione atriale, ho passato il resto della giornata
al pronto soccorso dell'ospedale.

Probabilmente il caso ha voluto che il calabrone sia 
riuscito a "centrarmi" una vena, infatti il veleno non ha 
causato nessun rigonfiamento nel punto della puntura 
entrando direttamente in circolo.
Tuttavia, se posso dare un consiglio, è meglio
non sottovalutare le conseguenze dello shock
anafilattico causato da queste simpatiche bestioline
che ogni anno mettono in pericolo la nostra vita.





11 commenti:

  1. Per fortuna hai avuto il sangue freddo da chiamare aiuto ...ed è andata bene. Ti ringrazio per il racconto perchè invece io non ci avevo mai pensato e così ora starò molta più attenta che da noi è pieno di vespe e di calabroni... ma pensavo che fosse pericoloso solo per chi è allergico...
    Ora è tutto finito, vero? ciao , cari saluti
    val

    RispondiElimina
  2. Si, adesso sto bene......e pensare che ho sempre prese in giro mio fratello perché, essendo allergico, era terrorizzato da calabroni & co.

    RispondiElimina
  3. l'importante ora è che stai bene! io non so neanche se ne sono allergica!

    RispondiElimina
  4. Accidenti, te la sei vista brutta ma hai reagito benissimo.
    Purtroppo so di cosa parli. Da bambino sono stato aggredito da uno sciame di calabroni ma senza particolari reazioni. Poi più nessun problema fino a 3 anni fa quando ho avuto una reazione allergica da paura. Ora sto attento e tengo i medicinali sempre bene in vista e a portata di mano.

    RispondiElimina
  5. Già tagliare il fosso con il decespugliatore fa schifo,essere anche punti da un calabrone è una vera disdetta,per fortuna ti è andata bene,quello che non è successo ad un mio compagno di giochi tanti anni fa,è stato punto su una parte vitale del collo,purtroppo.Ciao.

    RispondiElimina
  6. Ma allora sei allergico? Un bella fregatura per chi nei campi ci deve lavorare.

    RispondiElimina
  7. @ tutti - Nella sfortuna d'essere stato punto, mi è andata bene, l'anno scorso un mio compaesano non è stato così fortunato.
    La settimana prossima farò le prove allergiche, in passato le punture di vespe e calabroni non mi avevano mai dato problemi, spero che questa sia stata dovuta al fatto che il veleno è entrato direttamente in vena. La mia reazione è stata diversa da quella vista in mio fratello, a lui si gonfiava immediatamente la gola e soffocava....comunque dovrò stare molto più attento e tornare a casa anche in mancanza di sintomi.

    RispondiElimina
  8. Attento.... penso che i calabroni abbiano letto il tuo post e preparino la controffensiva.
    Io andrei nel canmpo col cappello da bersagliere ed il mitra.

    RispondiElimina
  9. Speriamo che ora tu stia meglio. Lo shock anafilattico è spesso una brutta bestia. Ho letto su internet che il rimedio salvavita per lo schock anafilattico è l'adrenalina. Ne esistono dosi con autoiniettore. Sarà bene che tu chieda consiglio al medico visto che in campagna il rischio di punture è sempre presente.

    RispondiElimina
  10. Che spavento... ma una volta non sentivo parlare di queste reazioni. Da piccolo sono stato punto da varie vespe e mi preoccupavo più di tanto. Non saprei dire se anche da un calabrone e devo ammettere che adesso saranno 30 anni che non mi pungono, ma cresce la mia proccupazione, soprattutto sentendo cosa succede agli altri. Ma non saranno cambiati i veleni di questi animali con gli anni?

    RispondiElimina
  11. @ semola - con la racchetta da tennis sotto il fico.....li sto aspettando ;-)
    @ Barba - ho prenotato le analisi, l'allergologa mi ha detto che esiste anche un vaccino ma è poco raccomandato a causa dei suoi effetti collaterali..quindi dovrò munirmi di adrenalina.
    @ Taro - Questa mattina altro "test", mi hanno punto due vespe senza provocare reazioni strane....buon segno.

    RispondiElimina