mercoledì 18 agosto 2010

Bonifica


Di fianco alla recinzione che divide l'orto dal
"campetto" delle patate c'era una striscia di terra
che per un ortolano che si rispetti era un vero schiaffo
 morale: la gramigna aveva preso il sopravvento ed era 
in continua espansione.



La settimana scorsa, prima che incominciassero le
 piogge ferragostane, ho ristabilito l'ordine. Dopo aver
estirpato la boscaglia e vangato il terreno in modo da
poter togliere gli stoloni sotterranei di questa micidiale
infestante, ho passato tutto al setaccio e mi sono
ritrovato con due carriole piene di sassi e ciottoli che,
per quanto ne so, non apportano fertilità al terreno e
sono stati quindi sostituiti con un abbondante dose 
di terriccio proveniente dal cumulo.


La nuova aiuola non poteva rimanere vuota, le fragole
ottenute propagando gli stoloni reclamavano il loro spazio
e l'ufficio tecnico della Scovazza ha provveduto
all'assegnazione.




3 commenti:

  1. E' un delitto lasciare incolta la terra.

    RispondiElimina
  2. Concordo cn Marino...:d...anch'io ci provo a coltivarla il più possibile e appena si svuota 1 mtro quadro lo riempio cn altro...:P...buona serata e complimenti x le fragole(le piantine)...:D

    RispondiElimina