venerdì 30 aprile 2010

Campo di battaglia

Per un occhio poco allenato questo è un tranquillo campo 
di patate ma , dall'alto della mia esperienza, sono pronto 
a scommettere sul contrario.


Gli incursori dell'esercito nemico stanno prendendo 
posizione, il nome in codice è "DORIFORA", il loro
primo obbiettivo è quello di posizionare un numero
esorbitante di "bombe a grappolo" di colore giallo sulla
pagina inferiore della foglia, scopo della missione:
defogliare le mie piante e rendere misero il mio raccolto.


"Il soldato tedesco ha impressionato il mondo, il bersagliere ha
 impressionato il soldato tedesco". Se vogliono la guerra l'avranno.
I due della foto, travestiti da juventini che festeggiano la permanenza
in serie A, sono finiti davanti alla corte marziale e quindi giustiziati.


Ristabilita la calma posso tornare ai lavori tradizionali dell'orto. 
Tra l'aiuola delle zucchine e quella di regina dei ghiacci e cappucci
ho trapiantato le prime 14 piante di pomodorini che, come al solito 
ho provveduto a proteggere dal sole con un telo ombreggiante.


La giornata è stata intensa, penso di meritarmi un po' di 
riposo all'ombra della zucca.


P.S.  Vorrei precisare che le mie azioni nei confronti della 
dorifora non sono dettate da odio o rancore ma dalla
necessità di difendere i frutti del mio lavoro quale fonte 
di sostentamento.


10 commenti:

  1. Bellissime patate. Le mie sono piu` indietro. Tempo permettendo domani le zappetto.

    RispondiElimina
  2. Dipende anche dalla varietà, quelle di sinistra, fino a 3/4 della 5^ fila, sono a pasta bianca sono più indietro rispetto alle pasta gialla di destra anche se seminate lo stesso giorno.

    RispondiElimina
  3. Ciao Emilio,
    mamma mia come sono rimasto indietro nell'orto!! se guardo le tue patate... mi sa che quest'anno le mie patiranno non poco. E la zucca!! Ah, io devo riuscire ancora a piantarla...
    contro la dorifora non ci sono crudeltà ma autodifesa. Purtroppo non ci sono quasi più quei bei grossi coleotteri carnivori, i carabi, che se ne occupavano; dobbiamo farlo noi.

    RispondiElimina
  4. Mi pare di capire che sei ghiotto di patate,anch'io.Complimenti.

    RispondiElimina
  5. @ Andrea - hai sempre la soddisfazione di veder crescere Pietro.
    @ Blogredire - La partenza è buona...a chi non piace la patata (hehehe)

    RispondiElimina
  6. A parte l'esecuzione sommaria delle piccole sventurate colte in flagrante con le mani nella marmellata, come combatti le infestazioni di dorifora della patata?

    RispondiElimina
  7. @ ortolandia - L'anno scorso è stata una battaglia persa: ho fatto un paio di trattamenti con il "karate", un piretroide che avevo in casa da tempo e forse per questo aveva perso efficacia e comunque le mie dorifore resistevano tranquillamente. Poi ore e ore passate a schiacciare larve e raccogliere adulti. Per quest'anno devo trovare un prodotto/metodo più efficace....si accettano consigli.

    RispondiElimina
  8. Ma hai delle piante di zucchine già enormi... complimenti.
    Domenica come mi avevi suggerito ho controllato le patate.. per ora niente dorifore. Tienici informati sui trattamenti.

    RispondiElimina
  9. Anch'io invidio le zucchine: veramente belle.

    RispondiElimina
  10. Le ho seminate direttamente nell'orto e riparate con il tunnel,spero mantengano le promesse.

    RispondiElimina