giovedì 22 luglio 2010

Anguria


Purtroppo nel titolo ho dovuto usare il singolare,
quella nel piatto è l'unica anguria decente
che sono riuscito a raccogliere.


Con un peso di poco inferiore ai 3 kg ha quasi
raggiunto gli standard di varietà (sugar baby) ma questo 
non basta a consolarmi per l'insuccesso.
Altre 6 hanno raggiunto la qualifica di commestibile,
da consumarsi dopo raffreddamento in frigorifero.
Per dire la verità non potevo aspettami miracoli, 
la pacciamatura messa in atto nelle prime fasi di coltivazione
è servita solo a nascondere il terreno poco fertile
su cui sono andato a seminare.
Non mi resta che recitare il mea culpa e guardare avanti.
Tante patate e poche angurie vogliono un riequilibrio,
ne terrò conto l'anno prossimo nella redistribuzione
delle superfici, senza tralasciare un tentativo
d'innesto zucca-anguria.

3 commenti:

  1. la chiami zuccuria o angucca?? hihihihi ciao antonio

    RispondiElimina
  2. Consolati io ne ho due di numero.

    RispondiElimina